Bassa Reggiana – territorio

Guastalla

Città fortezza, corte rinascimentale e avamposto militare. Un delicato equilibrio tra forza e bellezza, su antiche strade e palazzi.

Una storia importante

Di origine addirittura etrusca, l’abitato di Guastalla eredita il suo toponimo dall’epoca longobarda, durante la quale era diventata un importante avamposto di guardia. Anche nel Medioevo l’abitato aveva raggiunto una certa importanza, come testimoniano ben due concili papali, svoltisi su queste terre. Ma sono le due dinastie, dei Torelli prima, e specialmente dei Gonzaga dopo a trasformare Guastalla in una raffinata e colta corte rinascimentale, oltre che ad un importante presidio militare fortificato per le molte battaglie svoltesi nel nord Italia in tutto il Cinque e Seicento.
Spogliata dagli spagnoli del suo ruolo strategico la città passò sotto i Borbone di Parma e poi sotto il ducato di Maria Luigia d’Austria. Con l’unificazione entrò a far parte del Regno d’Italia e, nel Novecento, mantenne sempre una vocazione agricola forte, unito ad un certo sviluppo industriale.

Luoghi di cultura

Il centro cittadino si gode attraversando via Gonzaga, rettilineo che attraversa l’abitato conduce ai principali monumenti: il Palazzo Ducale e il Duomo, entrambi di origine cinquecentesca e in parte rifatti nei secoli. Tra i luoghi interessanti da scoprire sta la Biblioteca Maldotti, antico lascito che raccoglie oltre 30 mila volumi e la “croce del Volterra”, all’incrocio tra Corso Prampolini e via VI novembre si scorge infatti la particolare conformazione urbanistica del centro cittadino. Molte le chiese che costellano l’abitato e anche i dintorni, in cui si trovano diverse pievi romaniche risalenti al Medioevo.

seguici:

Progettinfanzia, via Bellini 7, 42016 Guastalla - info@progettinfanzia.it
C.F. 90011780351 - P.I. 02199190352

Subscribe To Our Newsletter

Join our mailing list to receive the latest news and updates from our team.

You have Successfully Subscribed!

Share This